Home » Blog » Blog » Social Network: Come scegli la piattaforma Social più adatta alle tue esigenze?

sipli group ti aiuta a scegliere il social adatto

Social Network: Come scegli la piattaforma Social più adatta alle tue esigenze?

Social Network

Dopo aver parlato dell’importanza per le aziende di essere social e di come organizzare una social media strategy, è doveroso dedicare qualche riga proprio alla scelta dei canali social da utilizzare.

Prestare attenzione alla propria presenza sul web e curarne con costanza ed attenzione i contenuti, risulta essere un’attività abbastanza impegnativa. È importante, per questo, focalizzarsi su pochi social scegliendo quelli più funzionali alle proprie esigenze.

Situazione classica: “Ho un’azienda che si occupa di … quale social devo utilizzare?”

Questa è una scelta che i professionisti del marketing ponderano e per la quale è richiesta un’attenta riflessione, siccome la scelta non è così tanto scontata, particolarmente per chi gestisce una piccola attività a conduzione familiare oppure un libero professionista o ancora un negoziante.

Da dove partire?

“Mi hanno consigliato di aprire un account Twitter, l’ho fatto! Ma io vendo piastrelle di ceramica, come posso utilizzarlo al meglio?

In questo articolo troverai una risposta a domande di questo tipo:

Risponderemo a questa domanda con dei punti da tenere in considerazione:

  1. Chi sei e di cosa si occupa la tua azienda?
  2. Qual è il risultato che vuoi ottenere dall’utilizzo dei social?
  3. Qual è la storia della tua azienda?
  4. Qual è il posizionato online del tuo brand?
  5. Qual è il tuo target ? Chi vuoi coinvolgere ? Chi vuoi interessare?
  6. Qual è il budget che hai a disposizione? (Esatto! Devi considerare un  Budget, se vuoi gestire i social in maniera professionale)

Proviamo a fare una distinzione tra i social, in base ai contenuti da pubblicare su ognuno di essi.

Facebook
Se sei un neofita,  Facebook è la prima scelta da dover fare.
Ha come obiettivo quello di creare legami con i propri clienti, coinvolgendoli mediante richieste di opinioni, ed anche attirarne di nuovi, fornendo contenuti originali sia informativi che di intrattenimento. L’80% degli utenti ha un profilo Facebook ed attraverso un costante aggiornamento del profilo è possibile aumentare l’autorevolezza del brand.

Twitter
Offre la possibilità di entrare senza barriere in contatto con professionisti, acquisendo notorietà e ricevendo attenzioni, consigli e/o risposte. 
Twitter può essere visto come un “grande orecchio” attraverso il quale ascoltare i pensieri dell’opinione pubblica e scoprire nuove fonti di informazioni interessanti.
L’obiettivo è quello di generare traffico sul proprio sito tramite dei tweet, a carattere informativo, aumentando la conoscenza del marchio, soprattutto grazie ai cosiddetti influencers e blogger, maggiormente presenti su questo canale.

Pinterest
Viene utilizzato per catalogare le proprie passioni attraverso le immagini. 
La maggior parte delle condivisioni dei Pin su Pinterest è legata ad un interesse o un desiderio. L’obiettivo in questa piattaforma potrebbe essere quello di aumentare la visibilità per il proprio catalogo prodotti oltre che l’interesse e la curiosità verso lo stile dell’azienda.

Youtube
I video creano un collegamento con le persone in modo più profondo del testo e delle immagini proprio perché creano un rapporto di appartenenza, la sensazione di sentirsi parte di un processo immedesimandosi con l’esperienza che potrebbero vivere (es.: l’uso di un prodotto, a presentazione di un aiuto, la descrizione di un luogo in cui andare in vacanza, etc.). L’obiettivo principale è la fidelizzazione dei propri clienti attraverso la pubblicazione di contenuti coinvolgenti.

Instagram 
Se hai un’attività che si presta bene ad essere fotografata o che abbia abbastanza contenuti grafici, allora Instagram è l’ideale in quanto permette di scattare fotografie e di condividerle. 
Le aziende che realizzano prodotti con un forte impatto visivo devono comprendere le enormi potenzialità del photosharing di Instagram, applicandole ad azioni di marketing visivo. 

Attraverso i profili si possono pubblicare immagini che rappresentano le passioni e il life-style che ruota attorno alla personalità del brand e degli utenti/clienti. 
Avere successo su questo tipo di piattaforma può richiedere tempo e svariate sperimentazioni. Molti utenti tendono a navigarci durante gli spostamenti, dopo le ore di lavoro o durante il fine settimana.

LinkedIn 
Linkedin è, da sempre, uno strumento professionale, utilizzato principalmente da professionisti, con l’obiettivo di aumentare il proprio “personal branding”, di scambiare opinioni su argomenti di settore, entrare in contatto con altri professionisti e negli ultimi anni anche per il recruiting, ovvero per la selezione di risorse qualificate.

E’ importante sottolineare che LinkedIn è diverso da Facebook ed altri social.

LinkedIn risulta dunque uno strumento molto potente per connettersi con altre aziende o professionisti e va utilizzato con molta discrezione.

Google Plus

E’ possibile creare un proprio profilo personale che contenga varie informazioni, queste possono essere inserite rendendole pubbliche o visibili solo a determinate cerchie di utenti.

Google Plus non è soltanto un social network, ma , soprattutto un servizio sociale alimentato dalla forza dirompente che l’azienda Google ha sul mercato. Da questa piattaforma è possibile partire per approfondire qualsiasi attività, sia essa lavoro o divertimento.

Sono noti infatti i benefici che può portare un post su questo Social in termini di SEO , e probabilmente è proprio questo il motivo che spinge aziende ed esperti di settore ad aprire e pubblicare contenuti all’interno di questo Social . I benefici sono legati in particolare ai “risultati privati” ossia i risultati presenti nelle SERP delle persone che sono all’ interno delle nostre cerchie. Unica pecca è che per visualizzarli dobbiamo quindi essere loggati in Google.

Quindi quando si è di fronte alla scelta di quale canale social aprire per la tua attività/azienda conviene fermarsi un attimo e porsi le domande sopraccitate ed affidarsi ad un esperto in modo tale da non commettere errori di gestione nel creare dei “social fail”, errori che potrebbero costarci più di quanto avevamo preventivato .

E Tu? Come valuti che tipo di social media usare?

 
Contattaci e noi ti aiuteremo a scoprirlo!!!

Sipli, Always On!

©Contenuti Riservati – Sipli Web

Social Network: Come scegli la piattaforma Social più adatta alle tue esigenze? ultima modifica: 2017-04-26T08:35:32+00:00 da DivisioneWeb2016
Metti mi piace alla nostra pagina per seguire tutti gli aggiornamenti!
Condividi

Autore: DivisioneWeb2016

DivisioneWeb2016